I pannolini Lillydoo sono una manna dal cielo non solo per pelli sensibili e soggetti a dermatiti ma anche per culetti meno sensibili. Completamente vegan e senza paraffini, con l’abbonamento arrivano direttamente a casa tua!

Greta, come molti bambini della sua età, è un vero e proprio terremoto. Sale, scende, s’arrampica e molto spesso è capitato che il pannolino “perdesse”. Non parliamo poi della quantità di pipì durante la notte. I pannolini Lillydoo sono stati una magnifica scoperta, fatta ahimè troppo tardi! Resistenti, di cotone e con una fantasia super carina. A noi ci sono toccate le volpi e Greta ne è rimasta entusiasta! Le salviette sono miracolose, senza alcool né profumi e soprattutto super robuste! Per noi è sì!

Benedetta, mamma di Greta 2 anni e 6 mesi

L’argomento pannolino è decisamente scottante per una famiglia. Mille marche e modelli con prezzi che molto spesso rasentano la follia. Negli ospedali (ma non in tutti) ti forniscono i super elite ma quando torni a casa e la scorta è finita vai a comprarli e credi di aver sbagliato negozio, di essere entrato in gioielleria a comprarti un trilogy. Speri sempre che tuo figlio abbia la pelle del sederino tipo quella dei muli e che qualsiasi pannolino vada bene.

Io, ad esempio, so che Greta tollera alcuni pannolini ma altri assolutamente no, mi sono iscritta a tutte le newsletter dei negozi che vendono articoli per la cura della persona e appena ne ricevo una la prima cosa è vedere se i nostri pannolini sono in offerta per andarne a comprare una caterva.

Questo mese ho scoperto i pannolini e gli articoli per bambini Lillydoo e la mia vita (e quella del culetto di Greta) è cambiata.

Scatola Lillydoo Roma03

Qualche settimana fa, infatti, abbiamo ricevuto una bellissima scatola contente un pacco di pannolini Lillydoo per ciascuna taglia (dalla 3 alla 6) e due pacchi di salviette umide (salviette 99% acqua e salviette per pelli sensibili) che, oltre ad aver fatto provare a Greta e Diana, abbiamo smistato ad alcuni amici per i propri figli.

Diana ed io siamo tipe molto dinamiche, non ci accontentiamo mai e quindi abbiamo deciso di stressare il pannolino Lillydoo al massimo e vedere che succede!
Sempre in giro per laboratori, parchi, eventi, ludoteche, arrampicata su scivoli e lanciata sulle altalene, Lillydoo non perde aderenza e fa il suo dovere anche combattendo con una bimba di due anni e mezzo che pesa più di 13kg, è scatenatissima e spesso rifiuta anche di farsi cambiare!
Lillydoo non irrita (almeno lui… mi figlia invece sì!), non si sposta e limita l’effetto pannolino pieno bitorsoluto, visibilissimo con tute e leggings! Promosso a pieni voti, anche da Diana che quando ha visto i disegnini ha esclamato “Che belli, mamma!”

Silvia, mamma di Diana, 2 anni e 7 mesi

Pannolini Lillydoo Roma03

Tutti, da Andrea di un mese a Ludovica di 2 mesi, da Lorenzo 3 mesi fino a Greta e Diana di due anni e mezzo, sono rimasti super soddisfatti.

“Abbiamo voluto mettere a dura prova i pannolini Lillydoo, provandoli sul nostro Lorenzo: 3 mesi per 7kg, contro un pannolino dai 7 ai 18kg… lo abbiamo impacchettato per bene e possiamo dire tranquillamente che la prova è stata superata! Il pannolino ha un’ottima tenuta, anche dopo un’intera notte e Lorenzo fa tantissima pipì!
Anche la prova pupù liquida, tipica dei neonati, è andata bene. I pannoliny Lillydoo sono davvero delicatissimi sulla pelle, che rimane asciutta anche dopo molte ore (senza rilascaire, tra l’altro, cattivo odore)!”

Veronica, mamma di Lorenzo, 3 mesi

Le caratteristiche dei pannolini Lillydoo

I pannolini, non solo sono privi di profumi, parabeni, emulsionanti PEG, certificati OEKO-TEX®, STANDARD 100 e “vegan e cruelty free”da PETA ma sono anche super soft, di cotone assorbente con una straordinaria resistenza e tenuta. 

Hanno resistito alla pupù un po’ liquida tipica dei bimbi piccolissimi e alle notti e ai salti giornalieri di due bambine grandi che non stanno ferme un attimo e che di pipì ne fanno tanta!

In ogni caso i culetti sono rimasti asciutti e di arrossamenti nemmeno l’ombra!

Non ho una grande esperienza in fatto di pannolini, sono papà da solo un mese… ma posso dire che i pannolini Lillydoo hanno fatto il loro lavoro! Hanno retto alla pipì ma soprattutto alla pupù liquida di Andrea che beve tanto latte! 

Gabriele, papà di Andrea, 1 mese

Questo è possibile grazie alle caratteristiche di questi pannolini, che hanno un nucleo super assorbente fatto di perle microfini che assorbono molte volte il loro peso e bloccano i liquidi sotto pressione. Il rivestimento esterno traspirante è rivestito di tessuto non tessuto e non contiene né metalli pesanti né piombo e la chiusura si adatta perfettamente alla pancia e alla schiena del bambino.

I Pannolini Lillydoo sono fantastici. Sono morbidissimi, assorbono anche per molte ore lasciando comunque la pelle perfettamente asciutta. Adoro che siano di puro cotone, li ho provati e mi sono trovata benissimo… farò subito un’ordine.. si può scegliere la fantasia e fare un’abbonamento senza alcun vincolo che ti permette di ricevere comodamente i pannolini a casa senza mai rimanere senza.. Consigliatissimi!

Giulia, mamma di Ludovica 2 mesi

E poi sono bellissimi! Hanno delle fantasie delicate e divertenti, il che non guasta!

Le salviette sono delicatissime (le ho provate su Greta che è allergica soprattutto sul viso), senza profumi e lozioni, molto resistenti, biodegradabili e superano alla grande il test “strappo”. Che significa? Che quando ne prendi una non se ne porta dietro cento!

I pannolini Lillydoo consegnati direttamente a casa tua!

Sul sito di Lillydoo è possibile richiedere, al prezzo di € 3,90, il proprio kit di prova con 10 pannolini e 15 salviette, in questo modo sarà possibile fare un primo test.

Se il risultato, come sicuramente sarà, dovesse essere soddisfacente, la vera comodità di questo brand è la possibilità di comprare i pannolini online (scegliendo anche la fantasia!) sia individualmente che con un abbonamento personalizzato – modificabile e con possibilità di disdetta in qualsiasi momento e senza vincoli – che saranno consegnati direttamente all’indirizzo che si indicherà.

Kit prova Lillydoo Roma03

Per sfruttare l’abbonamento basta andare sul sito e scegliere la taglia dei pannolini, modificabile in qualsiasi momento, (occhio alle taglie che sono diverse dagli altri pannolini in commercio) e scegliere l’intervallo di consegna. Non solo i pannolini saranno consegnati direttamente a casa, senza costi di spedizione, ma si potrà approfittare anche di un 25% di sconto (in questi giorni utilizzando il codice CREME15 si riceve in omaggio una crema idratante).

La squadra di Roma03 & friends consiglia vivamente i pannolini Lillydoo per la loro resistenza e delicatezza, per la comodità di riceverli direttamente a casa e anche per il rispetto dell’ambiente. Vale la pena fare una prova, che dite?

Articolo precedenteCountry Food: il 25 aprile cibo e divertimento, anche per famiglie!
Articolo successivoTorna lo Swap Party per mamme e bambini da Babù
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…