0,00 $

Nessun prodotto nel carrello.

12.1 C
Rome

Iscriviti alla newsletter di Roma03

info@roma03.it

RistoBimbi

Mamma Silvia

Gymboree - Play & Music

Contatti

HomeCOSA FAREA CASACucina gourmet in casa? Facile, uso la...

Cucina gourmet in casa? Facile, uso la lavastoviglie!

Altri articoli

Silvia Lombardohttps://roma03.it/chi-siamo/
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira minacciosa con sua figlia Diana dal 2016. Diplomata in Narratologia e Storytelling alla Scuola Holden, ha fatto la giornalista, scritto libri, cortometraggi, documentari, lavorato nell’editoria, collaborato con la Rai. Della sua infanzia ricorda soprattutto i quattro alberi di Natale che faceva ogni anno con mamma e le sessioni di danza acrobatica in salotto, su musiche di Glenn Miller, con papà. Convinta, quindi, che la famiglia sia una cosa molto divertente, ha deciso di scrivere un blog per il divertimento di tutte le famiglie!

Mentre laviamo i piatti in lavastoviglie possiamo ottimizzare il tempo e sfruttare il vapore del lavaggio per cucinare, questo significa azzerare l’energia consumata e la produzione di CO2 che invece deriva dalla cucina tradizionale.

Sembra un paradosso ma stare chiusa in casa mi sta facendo scoprire terreni mai esplorati e solo oggi mi trovo finalmente a provare questa tecnica innovativa di cottura che sfrutta il vapore e l’acqua del lavaggio per cucinare a costo zero.
Ebbene – mi sono detta – prenderò due piccioni con una fava senza dover consumare ulteriormente acqua ed energia.

Sembra un’assurdità vero? Eppure pensate che questa tecnica di cucina a basso impatto ambientale è stata scoperta/inventata almeno 10 anni fa
io sono come le tartarughe, arrivo tardi , ma arrivo.

Probabilmente se non fossi stata in quarantena non ci avrei neppure provato, è da un po’ che mi leggo articoli sul tema, ma avere del tempo libero e necessità di riempirlo, aiuta a mettere in cantiere tutte quelle cose che vuoi/devi fare e tendi a rimandare.

Proviamo al massimo butto tutto, questo è stato un po’ il mantra della giornata e così ho osato; spinta anche dal fatto che avendo un bimbo in casa h24 e non dover necessariamente usare i fornelli rende il tutto meno pericoloso e posso coinvolgerlo in questa cucina particolare quanto bizzarra.

cucinare in lavastoviglie

Flavio già da tempo mi aiuta a svuotare la lavastoviglie, a volte anche a riempirla, mi piaceva l’idea di organizzare con lui un gioco di cucina diverso.

Considerando che io e lui in cucina facciamo ben poco per due motivi sostanzialmente:

  1.  sono una mezza frana, diciamo che sono schierata nella squadra di quelli che mangiano,  
  2.  il suo papà fa lo chef, quindi in casa la cucina è compito suo.

Quando ho avanzato l’idea di provare a cucinare con la lavastoviglie mio marito mi ha guardata come un’eretica pazza.

Blaterando parole e frasi che la prossima volta che le sento è la seconda, l’Arabo sarebbe stato più comprensibile per me.

Tant’è che per capire di che cosa stesse parlando ho wikipidiato ( si dice cosi?) la parola Roner quanto meno per tradurre quello che diceva.

Insomma ero sola, mio marito si era tirato fuori, eravamo io e la lavastoviglie, quella che fino a stamattina è stato il miglior acquisto della mia vita, stavo rischiando di rovinare questo amore immenso e totale, portandola a compiere un compito per il quale non è stata pensata, le stavo dando una nuova funzione, un ruolo altro, oltre a espletare il lavaggio dei piatti, ora la eleggevo a fattrice di piatti. Sbem!

Cavolo, che responsabilità… povera la mia Candy.

I programmi di lavaggio e cucina

Sembra strano, lo so, ma in un programma di lavaggio è insito anche un programma di cucina, basta sapere che temperatura ci occorre.

Lavaggio eco: Cottura a bassa temperatura 50-55° C

Lavaggio rapido: Cottura a media temperatura 60-65° C

Lavaggio intensivo: Cottura a medio-alta temperatura 70-75° C

Ogni tipo di alimento è cucinabile in lavastoviglie

Si può cucinare tutto in lavastoviglie? Assolutamente no.

Ovviamente le cotture a bassa temperatura non sono da intendersi su tutti gli alimenti.

Cereali e legumi scartateli.

Opzionate invece carni bianche, pesce, uova, molluschi e crostacei da mettere in menu. Pure carni rosse e verdura si possono fare volendo, anche se la verdura rischia di uscire un po’ croccante, perché in realtà avrebbe bisogno di una cottura superiore agli  85°C: ma sono gusti, a me, ad esempio, croccante piace di più.

Alcune accortezze prima di una cucina in lavaggio sono necessarie

cucinare in lavastoviglie

E’ bene sterilizzare gli alimenti che si intende cuocere in lavastoviglie perché al di sotto dei 50° C i batteri potrebbero proliferare, dunque è opportuno abbattere carne, pesce e molluschi congelandoli precedentemente.

Scongelateli in frigorifero e poi usate vasetti ermetici come quelli delle marmellate o delle conserve, vanno bene anche i sacchetti per il sottovuoto, basta che il contenitore sia pulito e asciutto.

cucinare in lavastoviglie

Mi sento quasi una donna stellata, una Chef di fama internazionale, sto in qualche modo facendo dell’alta cucina, (Ao d’altronde anche le ricette da gourmet si fanno a bassa temperatura): se tanto mi da tanto sto oggettivamente realizzando un piatto appetitoso senza gli strumenti professionali del caso.

cucinare in lavastoviglie

Martina La Platessina
(forse qualcuno lo ha inventato prima di me, ma lo voglio chiamare così)

Ho messo la platessa spinata (così la mangia anche Flavio) nei contenitori da confettura, vi ho aggiunto patate e zucchine tagliate con la mandolina, una rondella sottile di aglio, sale, origano e rosmarino ma qualsiasi altra erba provenzale abbiate in casa va benissimo.

Nel barattolino di Alessio ho aggiunto una spolverata di peperoncino Habanero, ma semplicemente perché questo avevo in casa.

Ho Infornato, o meglio inlavato in lavastoviglie (scusate il gioco di parole). Lavaggio eco e in una mezz’ora era tutto pronto.

Ho aggiunto una spruzzata di limone e olio a crudo.
Impiattato con una crosta di pane bruscato.

Mentre la mia Candy Candy faceva il suo doppio lavoro mio marito lì a sentenziare, questa volta con la lingua di un Navajo (perché oltre a essere incomprensibile sembrava pure rosso di rabbia):
“Ma come fai a monitorare la cottura delle temperature, senza termometro? Se sbagli la gradazione non permetti alla bassa temperatura di preservare le proprietà nutrizionali della platessa rischiando invece di alterare tutto.”

Nella mia testa ho sentito solo una grande eco che somigliava tipo a un ehhhhh?!?

cucinare in lavastoviglie

Me ne frego, come Achille Lauro, me ne frego delle convenzioni, degli anni di studi, dei fuochi, dei libri di cucina, delle scuole, delle stelle Michelin… di mio marito… io ci devo provare, voglio cucinare mentre i piatti si lavano.

E’ una cosa troppo assurda, fa ridere anche a parlarne e io sono solita aver fame di risate.

Se volete approfondire il tema leggete Cucinare in lavastoviglie di Lisa Casali.

cucinare in lavastoviglie

Non voglio essere presuntuosa: sarà stato l’olio a crudo del contadino, sarà stato l’origano buono pugliese, sarà stata la cottura al vapore delle lavastoviglie(?!?), ma è venuto buonissimo.

Adesso tocca a voi: Buon appetito!

Iscriviti alla newsletter

Fai questa scelta e d'ora in poi farai parte per di ogni singola avventura che intraprenderemo!

Il nuovo articolo

- Advertisement -Mamsitter - Cerchi una babysitter a Roma

Socialnetwork

20,700FansLike
2,400FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Ultime notizie

Più letti