Avete un gatto ed è in arrivo un bambino? Il vostro bambino desidera tanto un gatto? Ecco quali sono i consigli per una felice convivenza (e un grande amore) della nostra psicologa felina di Officine Feline

OFFICINE FELINE
Consulenza in relazione Felina
Visite comportamentali, trattamenti reiki
http://bit.ly/officinefeline
officinefeli[email protected]
instagram: officine_feline

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Da una madre amante dei cani e un padre amante dei gatti doveva per forza uscire una bambina amante degli animali.

C’era solo da aspettare per sapere quale fra i due avrebbe vinto perché, diciamo la verità, quelle delle persone “gatto” e delle persone “cane” sono un po’ due squadre diverse.

Se c’è una cosa che a 42 anni ho capito sull’amore è questa:
uomo cane + donna gatto = sì
uomo gatto + donna cane = no
E temo valga anche per i figli.

Arrivata quindi l’età della parola Diana si è così espressa

rullo di tamburi…

“IO SONO UN GATTO VERDE!”

Ovviamente, adora tutti gli animali, ma ha una forte predilizione per i gatti. In particolare i gatti neri e rossi – innamorata persa del gatto Carota dei nostri amici di RomaTardona – e poi quello verde che è una sorta di suo alter ego, trasformatosi anche, grazie a Nicole Rivellino, in maschera di Carnevale.

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Gatti e bambini: quando è il momento di far entrare un gatto in famiglia

Così, è un po’ di tempo che pensiamo all’idea di aggiungere un membro felino alla nostra famiglia. Ma prima di procedere ad un passo così importante – io lo dico per il povero gatto, soprattutto – ho deciso di rivolgermi a una psicologa felina.

Sì, avete capito bene: abituata ad avere cani, non mi è suonato affatto strano. Se non avete mai avuto animali, vi dico subito che anche loro come tutti noi sono unici ed hanno il loro carattere. È questo il motivo che mi ha spinto a rivolgermi a questo tipo di specialista: voglio proprio mettermi nei panni del nostro amico a quattro zampe, per capire in cosa si trova catapultato quando comincia la convivenza con un bambino.

E quindi vediamo con il prezioso aiuto di Officine Feline cosa è bene tenere a mente nel caso in una casa abitata da un felino arrivi un neonato o, viceversa, se si voglia aggiungere alla vostra famiglia con bambini un amico gatto.

Vivere con gli animali aiuta a sviluppare la sensibilità e ad agevolare la comprensione dell’altro. La convivenza con un gatto può rappresentare un’esperienza di crescita molto speciale se condotta nel modo giusto e soprattutto rispettando la natura di questo magnifico animale.

Il testo che segue è a cura di Officine Feline!

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

BAMBINI E GATTI: quando arriva un bimbo in casa

Nei mesi che precedono il lieto evento, l’obiettivo comune deve essere quello di mantenere un clima sereno, di evitare inutili allarmismi e di rassicurare il felino di casa dimostrandogli che la sua routine quotidiana rimarrà invariata.

In caso il micio non sia stato ancora vaccinato, sterilizzato o castrato è consigliabile provvedere prima dell’arrivo del neonato, sia per il benessere del gatto che per garantire una migliore condizione igienica in casa, riducendo il rischio di marcature territoriali.

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Il rapporto fra neomamma, neonato e il gatto

La neo mamma dovrà cercare di ricavare sempre un momento della giornata per il gatto, rassicurandolo e aiutandolo a non associare il bimbo a una fonte di stress o di paura e a non entrare in competizione con lui.

Potrà capitare di vederli dormire assieme visto che i gatti sembrano gradire l’odore dei neonati e di vederli condividere i giocattoli, ma non andranno mai lasciati senza la supervisione di un adulto.

Nel caso in cui il gatto dovesse risultare spaventato dal nuovo arrivato, in particolare dal suono del vagito, non andrà costretto, sgridato o emarginato; con i suoi tempi e i suoi ritmi imparerà ad accettare la nuova situazione e a partecipare all’evoluzione del nucleo familiare.

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Quando il bambino può cominciare a giocare e interagire con il gatto

Dopo i 7 mesi sarà possibile insegnare al bimbo a fare le prime carezze, facendo un po’ di pratica su un peluche in modo da limitare quei maldestri tentativi d’approccio che spesso stressano e spaventano tutti. Ovviamente con la crescita aumenterà anche l’interazione e sarà possibile introdurre nuove tipologie di giochi, tenendo sempre le manine al sicuro.

QUANDO ARRIVA UN GATTO IN CASA: Il bambino chiede un gatto

È sempre importante ricordare che gli animali non sono giocattoli o compagni di gioco ma esseri viventi con i quali imparare a interagire e a condividere la propria vita.

Fin da subito il bambino che chiede un gatto, deve essere orientato dai genitori verso una corretta visione della futura interazione, tenendo sempre a mente l’importanza della parola rispetto.

Una volta fissato questo concetto ed escluse patologie che non consentano la presenza di un gatto in casa, si può dare il via a questo bellissimo percorso di crescita.

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Dove scegliere il gatto e come allestire lo spazio

Alla base dell’accoglienza dovrà esserci un corretto pre-allestimento ambientale che rispetti le naturali esigenze del gatto; quindi per la scelta di ciotole, lettiere e tiragraffi, sarebbe bene farsi consigliare da chi opera nel settore per non creare disturbi comportamentali al gatto.

Per quanto riguarda la scelta del micio, sarebbe bello ed etico preferire un’adozione presso le associazioni dedicate, poiché l’acquisto di un gatto di “razza” non andrà comunque a garantire la riuscita di una buona convivenza.

È necessario tenere bene a mente che i gatti hanno un carattere, proprio come noi, quindi la scelta dovrebbe ricadere su un temperamento mite e tendente alla socializzazione.

Per non parlare dell’esperienza di poter condividere con i propri figli l’avventura di salvare la vita a un gatto, infondendo in loro il prezioso dono dell’empatia.

Tra le cose fondamentali da insegnare a un bambino c’è sicuramente il rispetto verso il sonno del micio e spiegare che il gatto ha un udito sensibilissimo, quindi urla o tiratine alle orecchie vanno sicuramente evitate; carezze e coccole vanno bene ma senza esagerare nella durata.

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Quali giochi far fare al bambino con il gatto

L’attività ludica è un ottimo scambio e i giochi da preferire semplici, come scatole di cartone, cannette con la piuma, lancio di croccantini e tanti altri da creare insieme ai genitori, affinché il bambino possa iniziare a interessarsi ai bisogni del proprio animale e a prendersi cura di lui.

Va sempre ricordato che le mani non vanno utilizzate come “gioco” perché il gatto potrebbe recepirle come delle prede innestando dinamiche di caccia potenzialmente pericolose.

ECCO A CHI RIVOLGERSI PER ADOTTARE IL VOSTRO GATTO

Associazione Azalea
http://www.zampamica.it/

La Casetta dei Gatti
https://www.lacasettadeigatti.org/

I Gatti della Piramide – Arca
https://it-it.facebook.com/igattidellapiramide/

I Gatti di Torpignattara
https://it-it.facebook.com/GattiTorpigna/

ALCUNI LIBRI UTILI PER COMPRENDERE IL VOSTRO GATTO

Come fare… rendere felice il nostro gatto
Ediz. a colori
di Laura Borromeo e Maria Cristina Crosta
Sistemi Editoriali

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti

Dizionario bilingue italiano-gatto e gatto-italiano
Sonda – Edizioni Larousse

officine feline psicologa felina roma bambini neonati gatti