0,00 $

Nessun prodotto nel carrello.

22.5 C
Rome

Iscriviti alla newsletter di Roma03

roma03founder@gmail.com

RistoBimbi

Mamma Silvia

HomeBLOGGiornata Mondiale della Sindrome di Asperger: capire...

Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger: capire per aiutare

Altri articoli

Silvia Lombardohttps://roma03.it/chi-siamo/
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira minacciosa con sua figlia Diana dal 2016. Diplomata in Narratologia e Storytelling alla Scuola Holden, ha fatto la giornalista, scritto libri, cortometraggi, documentari, lavorato nell’editoria, collaborato con la Rai. Della sua infanzia ricorda soprattutto i quattro alberi di Natale che faceva ogni anno con mamma e le sessioni di danza acrobatica in salotto, su musiche di Glenn Miller, con papà. Convinta, quindi, che la famiglia sia una cosa molto divertente, ha deciso di scrivere un blog per il divertimento di tutte le famiglie!

Dopo tanto tempo, oggi la Sindrome di Asperger è più conosciuta grazie al moltiplicarsi degli studi e alle tante personalità che la raccontano. Diagnosticarla nei bambini piccoli è molto difficile, ma in età scolare bisogna fare attenzione ad alcuni segnali.

Oggi si festeggia la giornata mondiale della Sindrome di Asperger (nel giorno del compleanno del pediatra austriaco da cui prende il nome e che per primo ne descrisse i sintomi), disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento caratterizzato dalla compromissione delle interazioni sociali, dalla ripetitività degli schemi comportamentali e, in alcuni casi, dalla focalizzazione su alcuni ristretti interessi e attività stereotipate, senza però implicare un ritardo significativo nello sviluppo cognitivo o del linguaggio.

Quando diagnosticarla

Studi autorevoli stimano che una persona su 100 è compresa nello spettro autistico. Il momento più adatto per diagnosticare la Sindrome di Asperger è in età scolare, e non può essere valutato con una certa sicurezza prima dei 4 anni. Questo perché, nei primi anni di vita, i bambini tendono a utilizzare la comunicazione non verbale per superare le difficoltà ed è quindi facile fraintendere comportamenti e atteggiamenti.

Asperger nastro consapevolezza

Interazioni difficili e paura del caos

Non si tratta di una malattia o di un ritardo cognitivo, anzi, di solito un “Aspie” presenta un QI superiore alla media e un talento non comune. Il vero scoglio sta soprattutto nelle sue capacità relazionali: il contatto con gli altri, anche quello oculare, è spesso evitato e le regole comuni di condotta sociale quasi completamente sconosciute. Così come l’ironia, il sarcasmo, la reciprocità, l’emotività, l’affettività e il linguaggio metaforico. Un bambino con SA, infatti, presenta solitamente un lessico ricco, ma formale, è attaccato al significato letterale dei termini, processa ogni tipo di informazione tanto da risultare distaccato da qualsiasi tipo di emozione. Il suo, in realtà, è un distacco solo apparente che nasconde un’ipersensibilità accentuata. Le persone con Sindrome di Asperger, infatti, vivono il caos come una minaccia: per tenere a bada l’ansia e l’angoscia che genera in loro, cercano conferme e tranquillità nella routine e nella ripetizione ossessiva delle attività.  

Gli Aspie “famosi”

Fino a qualche anno fa la Sindrome di Asperger era quasi del tutto sconosciuta, oggi per fortuna se ne parla molto: sono tanti i personaggi più o meno conosciuti che ne soffrono o che si è scoperto ne hanno sofferto. Fra questi Vincent van Gogh, Bob Dylan, Tim Burton, Courtney Love, Andy Warhol, Kurt Cobaine, Susanna Tamaro, Mark Zuckerberg e persino la piccola Greta Thunberg.

Nel 2015 la Rai ha contribuito a far conoscere questo disturbo dello spettro autistico attraverso la fiction “Tutto può succedere”, remake italiano di “Parenthood”, andata in onda fino ad agosto 2018. Attraverso il personaggio di Max, il pubblico ha imparato a capire e a dare un significato ad alcuni comportamenti che, non conoscendo la SA, potrebbero apparire sconnessi o addirittura insensati. Queste peculiarità possono, purtroppo, generare fenomeni di bullismo da parte di compagni e coetanei che non riconoscono nel bambino/ragazzo con Sindrome di Asperger quegli stereotipi di “normalità” che fanno di un gruppo, un insieme di persone che condivide determinate caratteristiche.

alinea nel cortile

Un’aliena nel cortile che spera di volare via

Per provare a comprendere da vicino la frustrazione e l’angoscia di un Aspie negli anni della scuola, quando ancora la diagnosi di questo disturbo non era ancora possibile, suggeriamo le parole di Clare Sainsbury e del suo “Un’aliena nel cortile” edito da Uovonero: pensare che una bimba, nel periodo che dovrebbe essere il più bello della sua vita, si senta così in difficoltà da immaginare di appartenere a un altro popolo e da sognare che un’astronave la porti via il più lontano possibile dalla sua realtà, ci ha messe con le spalle al muro, sbattendoci in faccia un’amara verità.

Il nuovo articolo

- Advertisement -Mamsitter - Cerchi una babysitter a Roma

Socialnetwork

20,700FansLike
2,400FollowersFollow
- Advertisement -spot_img

Ultime notizie

Più letti