Festival di film di animazione per bambini e ragazzi

Da lunedì 14 a domenica 20 dicembre sarà online un festival di film di animazione per bambini e ragazzi di gran qualità e per tutte le età, da non perdere!

CATCH THE MOON
il sito per vedere i film
Qui il PROGRAMMA
la pagina Facebook

E se noi non possiamo andare al cinema, ecco che il cinema allora arriva nelle nostre case per portare una ventata di novità (anche con video di 100 anni fa, ve lo assicuro) e di film di animazione per bambini di ogni età: come si dice per i giochi più divertenti, da 0 a 100 anni.

CATCH THE MOON FESTIVAL DI ANIMAZIONE DI QUALITA’ ONLINE PER BAMBINI E RAGAZZI 

Lunedì 14 dicembre parte Catch The Moon Festival Internazionale di cinema d’animazione per bambini e ragazzi per tutte le età, con rassegne online e gratis che vi faranno sognare, sgranare gli occhi, viaggiare nel tempo.

catch the moon festival animazione cartoni online bambini ragazzi the little bird
The little bird and the bees – in concorso

35 i cortometraggi in concorso da tutto il mondo arrivati in finale, fra cui 17 prime italiane, per il primo festival dedicato al cinema d’animazione per bambini e ragazzi nel nostro Paese, e comunque uno dei pochissimi in Europa.

Inoltre ci saranno 19 cortometraggi extra di animazione, quindi fuori concorso, suddivisi in due programmi tematici Animals e Christmas Adventure, e un focus sulla EestiKunstiakadeemia / Estonian Academy of Arts. Il 20 dicembre saranno proclamati i 4 vincitori del festival.

catch the moon festival animazione cartoni online bambini ragazzi home is beehind
Home is Beehind – cortometraggio in concorso

COSA VEDREMO CON CATCH THE MOON FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ANIMAZIONE

Ci saranno, come già detto, cortometraggi in competizione e non suddivisi per fascia d’età, e nella fascia uno dei film in concorso ci saranno storie perfette per tutte le età, quindi anche per i nostri piccolissimi in età prescolare.

Promettono molto bene, sempre per strabiliare i nostri bimbi con cartoni animati insoliti, curati, dall’estetica inaspettata che stimolerà i loro pensieri, anche le tre rassegne extra, fra le quali non può mancarne una, dato il periodo, dedicata al Natale.

Snow_bunnies_scene2 festival animazione cartoni online bambini
Snow bunnies – rassegna Natale
catch the moon festival animazione cartoni online bambini ragazzi magic hock
Magic Hock – rassegna Natale

Oltre ai film di animazione, ci saranno molte iniziative collaterali fra cui laboratori per bambini più grandi (uno magnifico per realizzare una piccola animazione con un soggetto in pongo e una app specifica), mostre virtuali, in particolare una mostra di street art e realtà aumentata che toccherà le città di Milano, Torino e Palermo.

COME VEDERE ONLINE I CARTONI ANIMATI E FILM DI ANIMAZIONE DI CATCHE THE MOON

È molto semplice, a quanto sembra: dovete solo registrarvi e aspettare che il 14 novembre abbia inizio il Festival (a me già solo la parola festival, mette addosso un pizzico di emozione).

catch the moon festival animazione cartoni online bambini ragazzi would you please
Would you please – in concorso

Catch The Moon è stato realizzato grazie a MIBACT MIUR, che lo hanno finanziato nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola, ed è stato organizzato e promosso dall’associazione Gioco, immagine e parole, in partenariato con l’associazione Atalante di Bari, la cooperativa Bepart di Milano e gli I.C. 47° Sarria – Monti e 48° Russo –  Solimena, in collaborazione con ART33-Cultural HubFILM COMMISSION REGIONE CAMPANIA – IMAGINARIA animated film festival, il patrocinio del COMUNE DI NAPOLI e il supporto tecnico della CINETECA MILANO

catch the moon festival animazione cartoni online bambini ragazzi the witch and the baby
The witch and the baby – in concorso
Articolo precedenteI bambini e la timidezza: i consigli dell’esperta
Articolo successivoVideomessaggi, videochiamate e Babbo Natale a domicilio!
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…