idee per la festa del papà regali film libri biglietti

Questa Festa del Papà 2020 ce la ricorderemo sicuramente come una delle più strane della storia. Ma anche chiusi in casa in quarantena, non è detto che non possa essere comunque un giorno speciale.

Per la Festa del Papà avevamo fatto piani speciali per noi e per tutti voi: un mini shooting fotografico con il magico obiettivo di Babies Portrait, una colazione gustosa nel più bel family bar della città, Babù, tante famiglie, bambini, tanti bellissimi ritratti di padri e figli.

Ma il destino ci ha voluti separare per questo 19 marzo 2020: fregati da un microrganismo acellulare, ci troviamo rintanati ciascuno nelle proprie case, ci facciamo un salutino sonoro verso le 18, festeggiamo i compleanni dei nostri figli sul divano, con un regalo comprato on line e consegnato da un fattorino bardato come un chirurgo – quelli fortunati – che ci lancia il pacco per evitare il contatto.

Ma tant’è, noi non ci arrendiamo. Noi di Roma03 che abbiamo costruito un sito di oltre 500 articoli sull’andare a spasso, cercheremo di darvi qualche piccolo suggerimento per rendere speciale anche questa strana, un po’ spaventosa, Festa del Papà ai tempi del Coronavirus.

Un film per papà: My Own Man

Su Netflix si nascondono piccoli capolavori, specie se andate a rovistare nel cassetto dei documentari. Fra questi c’è My Own Man, storia di un quasi quarantenne che sta per diventare padre e si interroga – magistralmente – sul significato dell’essere padre, dell’essere uomo, di quello che la gente pensa e pretende sia essere un uomo.

Il tutto per prepararsi per tempo a diventare papà di un maschietto. Smantellando una virilità oramai obsoleta, ma che fa parte della natura di alcuni (come il padre del protagonista). Fra gli intervistati, piccola chicca, c’è Ed Norton, amico d’infanzia del regista e protagonista del film.

In realtà, è un film su chi siamo, tutti noi, quante aspettative ci ronzano intorno, quanto rumore fanno. Un rumore che non ci permette di ascoltare la nostra musica. Preparate i pop-corn. E i fazzoletti.

Tutti sul divano a vedere “Il mio Vicino Totoro”

Netflix, sicuramente lo saprete, ha ultimamente sdoganato l’equivalente di un museo di grandiose opere d’arte in film del maestro Myiazaki. Il più grande artista dell’animazione giapponese, sbarca sul web e vi regala un film dove due bimbe vivono con il loro papà mentre la mamma è in ospedale a curarsi. La loro nuova casa è immersa in una natura che, scopriranno presto le bambine, è anche magica e abitata da strane creature, fra cui il loro nuovo vicino, il gigantesco e coccoloso Totoro.

Papà, sei tu la star: preparate una miniproiezione

Il mio cellulare ha pensato bene di morire in questi giorni di pandemia: mi hanno detto, gli amici esperti, che si è preso un virus. Ironico, no? Io sospetto sia esploso per le troppe foto che non avevo ancora scaricato. Siamo pieni zeppi di fotografie che dimentichiamo di aver fatto.

Fate quindi una bella selezione delle foto del papà da festeggiare assieme ai suoi bambini, schiaffatele su una penna usb e sparatele in tv, usate un pc, arrangiatevi con i mezzi che avete ma rendetelo protagonista di un viaggio nella più emozionante storia recente che lui abbia vissuto: quella di essere un padre!

Le foto che ricordava lo faranno ridere, quelle che aveva dimenticato sobbalzare e commuovere. Risultato assicurato.

Il classico dei classici: un biglietto è per sempre

Tutti i papà che si rispettino nel cassetto, credo dagli anni ’80 a oggi, hanno una cravatta di carta regalata come biglietto per la festa del papà. La cosa al giorno d’oggi mi fa davvero sorridere, visto che di papà in giacca e cravatta ce ne sono sempre meno, ma il biglietto camicia e cravatta origami è davvero divertente da fare (quello e le sue variazioni sul tema che potete trovare in questi tutorial che abbiamo selezionato per voi)

Variazione sul tema, molto divertente, La Coppa del Miglior papà: sempre da fare con carta, colla e forbici… e per mettere in scena una buffa premiazione casalinga al miglior papà!

I consigli di un esperto: il Coach dei papà!

Avete mai sentito parlare di Girolamo Grammatico Life Coach Umanista e il suo libro Essere Padri Oggi? Ne abbiamo parlato poco tempo fa e vi suggeriamo di far scoprire, proprio in occasione di quesa festa, al vostro papà tutti i suoi interessantissimi video che parlano di libri su padri e figli, di albi illustrati per bambini, di tecniche di coaching per migliorare se stessi e il proprio rapporto con gli altri.
Potete seguire Girolamo su Facebook o su Youtube (date un’occhiata alla sfida dei 7 giorni per allenare le proprie virtù).

Un regalo è sempre un regalo… meglio fatto a mano

Sempre su Youtube si trovano tanti tutorial di regali fai-da-te per la festa del papà ai tempi del Coronavirus, ossia tempi durante i quali non si può uscire per comprare ciò che non si ha in casa. Ho trovato davvero molto carino il portapenne di Acchiappa l’Idea.
1- Perché è fatto in pasta di sale, che è comunque un’attività di manipolazione davvero importante per bambini di tutte le età e si può cominciare a giocarci da subito.
2- Perché, se riuscite a reperire i colori giusti in casa, avrà i colori degli arcobaleni pieni di speranza che tanti bambini hanno in questi giorni appeso fuori dalle finestre delle case di tutta Italia.

Let’s go party: organizzate una festicciola con Photo Booth

Il Photo booth è una cosa che diverte i grandi, ma soprattutto i piccini, che trascineranno anche il più timido dei papà in un momento di foto pazze che rimarranno per sempre e che i bambini adoreranno guardare e riguardare.

Create occhialini, facce buffe, baffi, bocche e fissatele con dello scotch su dei bastoncini o delle cannucce. Al papà rimarranno le foto e le mascherine create dai suoi figli.

Ne trovate di molto carini qui su freepick

diversi-accessori-per-photo-booth_23-2147594896

Infine… cucinate qualcosa di speciale per lui

Alcuni papà in questi giorni – il nostro, ad esempio – continuano a dover andare a lavorare. Medici, operatori di sportelli pubblici, autisti di metro ed autobus, cassieri di supermercati e tante altre categorie che stanno tenendo accese le nostre vite… Ma anche quelli che lavorano da casa, in una inedita convivenza continua con i propri figli e quelli che non dormono perché liberi professionisti, commercianti e un domani, chissà, la ripresa come sarà.

Ecco, cucinate per loro qualcosa di buono. Di semplice, da fare anche insieme ai bambini. Imbandite la tavola: sarà un momento spensierato per tutta la famiglia, e un gesto di affetto sicuramente apprezzato.

Potrete improvvisare dei piccoli panini, magari con pane impastato dai bambini, fare dei dolcetti di ricotta e cacao (basta sbriciolare dei biscotti, impastarli con ricotta, cacao e zucchero e appallottolare il tutto ripassandolo nel cacao o negli zuccherini colorati per i dolci: i bambini si divertiranno un mondo), oppure un aperitivo prima di cena mentre magari gli avete preparato un bel bagno caldo e profumato (e i bambini? Tutti in vasca! Non se po mai sta in pace…).

Se non avete chissà quali ingredienti in casa, sempre in giro per la rete si trovano cose straordinarie da fare perfino con delle semplicissime uova (i bambini non guarderanno mai più le uova con gli stessi occhi… e nemmeno io!)

Oppure potete decorare anche un semplice piatto di formaggi o affettati con queste semplicissime sculture vegetali di super effetto: