musica a casa con bambini e neonati teoria gordon

Francesca Scaglione, musicista, musicologa e diplomata in didattica musicale presso l’Università di Tor Vergata, parte dell’amatissimo ensemble di musica per bambini 0-6 Di concerto con mamma e papà, propone dei video per continuare a fare musica a casa con i bambini più piccoli

FRANCESCA SCAGLIONE
Canale Youtube IO GIOCO A CASA CON LA MUSICA
Di Concerto con Mamma e Papà

Lo abbiamo detto e ridetto: in questa emergenza, troppe volte i bambini son stati lasciati indietro. E i più piccini sono sicuramente quelli più colpiti.

Forse penseranno che le braccia di mamma e papà siano più che sufficienti a coccolare, accudire, soddisfare tutti i bisogni di un bambini molto piccolo, specialmente chi ancora non cammina o comincia appena ad alzarsi in piedi.

Questo trascurando il fatto, oramai noto praticamente a tutti, che è nei primi tre anni di vita di un essere umano che “si fanno i giochi”, per così dire… ossia, è in questi primi tre anni che una persona impara e assorbe più di quanto non farà per il resto della sua vita.

Noi mamme e papà stiamo godendo a piene mani del tempo dei nostri piccini, che però si mescola con lo stress dello smart working e della gestione di una casa che è diventata, per molti, la nostra tana h24. Siamo un po’ tutti, diciamolo, spesso a corto di idee per i nostri bambini.

E allora, facciamoci aiutare da una vera esperta! Vi ricordate le Di concerto con mamma e papà? Ne ho parlato tante volte: Diana ed io abbiamo cominciato a partecipare a i loro concerti per bambini da 0 a 6 anni, ispirati alla teoria dell’apprendimento musicale di Edwin E. Gordon, quando lei aveva 5 mesi.

Con i video della Maestra Francesca Scaglione avrete l’occasione di giocare con la musica – ma anche rilassarvi e accaparrarvi un momento di pausa e serenità – con i vostri bambini, anche appena nati!

Francesca non si limita a cantare, a fornire spazi sonori nei quali lasciar muovere i vostri bimbi, ma vi spiega anche il significato di ciò che intende stimolare con gli esercizi proposti e il significato profondo del linguaggio musicale anche per i bambini più piccoli.

Il tutto per tenerci in esercizio, aspettando con fiducia di poterci rivedere ad uno dei bellissimi concerti Di Concerto con Mamma e Papà che trasformano le famiglie in un piccolo popolo di gioiosi folletti danzanti!

Articolo precedenteQuando ti dicono che c’è qualcosa che non va…
Articolo successivoRiapre il Giardino di Filly, fattoria didattica in città
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…