I bambini si divertono nelle mani sicure del del baby care BabySmall e voi vi godete l’aperitivo: venerdì 22 giugno dalle 17.30 alle 20.30 ci incontriamo per il primo appuntamento live Roma03! Da Babù, in zona Furio Camillo a due passi dalla metro

save the date (2)

VENERDÌ 22 GIUGNO
dalle 17.30 alle 20.30
costo: 15€
aperitivo rinforzato + prima consumazione
+ pasta al pomodoro per i bimbi
Babycare offerto da Babysmall e Roma03
…e spille salvamamma per tutti!

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.
QUI IL LINK PER PRENOTARE –>
 http://ba-bu.it/eventi/aperitivo-roma03/

APERITIVO PER FAMIGLIE CON ATTIVITA PER BAMBINI SOTTO I TRE ANNI

Dite la verità: quanto tempo è che non riuscite a uscire senza i vostri bambini piccolissimi al seguito o con l’ansia di doverli andare a riprendere di corsa o, peggio ancora, il pensiero di voler tornare a casa prima possibile a vedere come stanno (o, diciamolo, perché vi mancano?).

E allora Roma03 che ci sta a fare? Abbiamo pensato a tutto: un bell’aperitivo per tutta la famiglia ma con un baby care che si occuperà dei piccolissimi mentre voi chiacchierate con altre persone (adulte. No gugugu. Persone parlanti).

FAMILY BAR + BABY CARE = 3 ORE DI APERITIVO IN LIBERTÀ

Cosa faranno i “grandi” durante l’aperitivo? Abbiamo scelto Babù perché amiamo follemente questo posto: bello, luminoso, spazioso e con un’offerta gastronomica davvero originale. Arredi in stile nordico, legno chiaro e vetrate, panche ma anche un comodo divano e poltrone per ospitare le nostre chiacchiere mentre ci godiamo un gustoso aperitivo (e se guardate le foto capirete cosa intendo).

E per tutti i presenti ci saranno le spille salvamamma: parlano al posto tuo, quando hai finito le parole e anche il bonton e sei lì per mandare a farsi un bagno tutti ma l’educazione ricevuta te lo impedisce. Ma le spille non hanno di questi problemi…

Le spille salvamamma

In più ci sarà Nicole Rivellino, meglio conosciuta come Mum in Love con le sue deliziose creazioni che potrete finalmente vedere da vicino: dalle piccole culle portatili, perfette per i neonati, ai pu-puzzle i pupazzi smontabili e riassemblabili anche fra di loro (Diana li adora), fino ai vestitini per i piccolissimi.

BABYCARE E LABORATORI PER BAMBINI SOTTO I TRE ANNI

Cosa faranno i bambini durante l’aperitivo? Saranno affidati alle mani esperte delle ragazze della cooperativa Le Piccole Cose, che hanno dato vita a BabySmall uno spazio raccolto e delizioso, alle pendici del monte Gianicolo, dedicato esclusivamente alla fascia prescolare. Babysmall ha già collaborato con Babù, anche con dei particolarissimi laboratori di ispirazione steineriana.

Venerdì per  i piccolissimi ci sarà una tenda indiana, una zona morbida per chi gattona, tantissime letture da libri selezionati per la fascia di età 0-3 anni  (“che rabbia!”, “c’è una strana creatura nel mio armadio”, “grat grat cirp e splash”, “cornabicorna”), laboratorio di costruzione con elementi naturali,  travasi e sabbiera. Insomma, per ogni età e abilità attività diverse (Ecco perché ci saranno più operatrici, ovviamente. Tranquille, mamme: siete in otime mani!)

INFORMAZIONI E LOGISTICA APERITIVO PER FAMIGLIE

Ci vediamo quindi venerdì 22 giugno da Babù, Via Carlo Denina 18 dalle 17.30,

La prenotazione è obbligatoria, semplicissima da fare online sul sito di Babù, seguendo questo link –> http://ba-bu.it/eventi/aperitivo-roma03/

Si arriva comodamente con la metro A fermata Furio Camillo 400mt

Per chi viene con la macchina, se non trovate parcheggio potete usufruire di quello sotterraneo del Centro Commerciale Happio (anche quello si trova alla fermata Furio Camillo).

Copia di presents.jpg

Articolo precedenteEstate Romana 2018: tutte le attività gratuite per i bambini da 0 a 3 anni
Articolo successivoAsilo nido bilingue, musicale, steineriano e altri privati a Roma e dintorni #1
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…