“Emozioni ed empatia – comunicare con i più piccoli con e senza parole” è il titolo dell’incontro su emozioni e bambini piccoli, guidato da Laura Gentile, che si terrà giovedì 24 maggio presso il family bar-pasticceria vegan Dharma’s Cake

Emozioni, bambini e neonati
Emozioni, bambini e neonati

Che cosa sono le emozioni? Quali sono le emozioni principali?

Spesso i bambini sanno rispondere più facilmente degli adulti a queste due domande: sembrano più allenati, più “in contatto”.

Ed è così che quando noi grandi incontriamo e ci scontriamo con l’emotività dei bambini a volte non sappiamo bene come gestirla, possiamo spaventarci oppure arrabbiarci, altre volte abbiamo bisogno di reprimerla, altre ancora finalmente riusciamo ad ascoltarla e a condividerla.

Aiutare il bambino a comprendere le emozioni

Quando l’essere umano, piccolo o grande che sia, prova un’emozione desidera in qualche modo avere qualcuno con cui condividerla, qualcuno che sappia ascoltarlo davvero, senza giudizi. Attraverso l’ascolto dell’altro ci sentiamo compresi e riusciamo a comprenderci meglio e in questo consiste uno dei compiti fondamentali del genitore: ascoltare davvero il bambino e aiutarlo a comprendere ciò che sente e che gli accade… insegnargli come gestire gli eventi o ciò che prova, arriva poi in un secondo momento!

Questi piccoli spunti presentano brevemente il contenuto del seminario “Emozioni ed empatia – comunicare con i più piccoli con e senza parole”, che rientra all’interno delle inziative DiventareMamma Lab.

Emozioni ed empatia: Comunicare con i bambini piccoli

L’incontro, in collaborazione con l’Associazione La Volpe e la Rosa, sarà guidato da Laura Gentile, psicologa e psicoterapeuta, che affianca al lavoro strettamente clinico con adulti, bambini e famiglie, un lavoro di formazione e prevenzione con il Progetto “Aiutami a fare da solo”, rivolto soprattutto a genitori in attesa e neogenitori, attraverso l’organizzazione di seminari, incontri e gruppi di condivisione.

Il prossimo appuntamento “Emozioni ed empatia – comunicare con i più piccoli con e senza parole” si svolgerà dunque Giovedì 24 maggio alle 17 presso la Pasticceria Dharma’s Cakes (Via Cesare Baronio 179 – Appio Latino), la prenotazione è obbligatoria e i bambini sono i benvenuti!

Per info e prenotazioni:

[email protected]

www.facebook.com/Aiutamiafaredasolo2016

https://www.facebook.com/LaVolpeLaRosa/

https://www.diventaremamma.com/

 

 

Articolo precedentePiccole Orme: solo scarpe comode e abbigliamento originale per mamme e bambini
Articolo successivoLa Valigetta Kids Boutique: l’usato bambini diventa boutique. Anche shop online!
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…