diventaremammalab

DIVENTAREMAMMALAB
appuntamento di presentazione:
domenica 13 maggio 
presso la Libreria Alberone – ROMA
(ci sarò anche io!!!)

Sono entrata per gioco in questo mondo virtuale dove, devo dire, mi sto divertendo molto a vivere questa vita parallela da blogger (dove se si potesse pure dormire sarebbe perfetto, almeno qui). E questa vita parallela mi sta portando a conoscere tante persone interessanti e piene di voglia di fare, spinte soprattutto dall’affrontare la quotidianità dell’essere mamma, ciascuna con i propri strumenti e la propria preparazione.

E da uno di questi incontri mi sono ritrovata risucchiata nell’interessantissimo turbine di DIVENTARE MAMMA LAB, un’idea di Alessandra Sodi cake designer ma non solo (la creativa compulsiva di cui ho parlato qui, che mi ha acchiappata per la collottola e tirata dentro al turbine e che fa le cose stupende che vedete nella gallery) e di Iride Valente, dietista e formatrice dell’Accademia Italiana Fitness. E questa idea ha poi incontrato il Blog DiventareMamma.com

L’appuntamento per la presentazione è proprio per il giorno della Festa della Mamma, ossia domenica 13 maggio, presso la Libreria Alberone a Roma in Via Gino Capponi 146 (zona Ponte Lungo). Parleremo del progetto, parleremo dell’essere mamma, ci confronteremo, faremo tanti laboratori e li faranno anche i nostri piccoli.

Un’iniziativa che, a mio modesto avviso, mancava e che mi ha subito entusiasmata. Un’iniziativa che nasce per creare una rete di eventi, di esperte e di mamme, per accompagnare e sostenere le donne in quel lungo periodo che, in un momento di magnanimità, abbiamo definito di cambiamento e che inizia con un test di gravidanza e finisce con la maternità.

Cioè non finisce, dura per sempre, così come la mancanza di sonno. Infatti, essendo io il lato PR e Ufficio Stampa della faccenda e non avendo competenze specifiche oltre alla scrittura (ma scrittura è una cosa importante, facciamo più una cosa tipo menestrello, saltimbanco, portiera, impicciona) mi batterò per includere fra i nostri corsi un bel workshop di rilassamento guidato, che si tradurrà in schiere de mamme sdraiate sui tappetini che ronfano e russano come se non ci fosse un domani. Credo che verrà anche mia madre che finalmente dormirà dopo quarant’anni (la prima notte che ho dormito più di 6 ore avevo 2 anni. Sono crudele, non vi do speranza!).

Quindi, come vedete, DiventareMammaLab nasce da persone che vivono la maternità ogni giorno e che intendono dare vita a una rete itinerante, concreta, reale e da vivere tutte insieme, anche grazie ai vostri riscontri e suggerimenti,  dove poter affrontare di volta in volta tematiche diverse, dal benessere alimentare alla panificazione naturale, dal sostegno all’allattamento al baby wearing e tanto altro ancora (vi aggiornerò, rimanete sintonizzate).

Le mamme di DiventareMamma.com
Le mamme di DiventareMamma.com (Sì comunque voglio il ritrattino pure io, eh!)

Un progetto inclusivo, dedicato a tutte le donne, che condivide in pieno le uniche regole del blog Diventare Mamma: rispetto, tolleranza, educazione. E, aggiungo io, problem solving di massa, una bellissima massa fatta da mamme e esperte!

Per tutte le donne che ogni giorno fanno scelte importanti per i figli, per chi percorre una strada fatta di cambiamenti, novità e sguardi che cercano un futuro possibile.

ps. quante volte ho usato il verbo dormire in questo articolo? In palio, una pennica

Articolo precedenteDuebebè, abbigliamento bambini e giochi a Roma, Monteverde
Articolo successivoNegozi usato bimbi a Roma e dintorni: un apostrofo rosa fra le parole “facciamo” e “un altro figlio” (altro che welfare)
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…