I laboratori di Mamme al Lavoro

Domenica 2 giugno all’Auditorium ci sarà L’Aperol Spritz Festival. Per festeggiare i 100 anni di Aperol hanno pensato proprio a tutto, anche ai nostri bambini che grazie alle mitiche Mamme al Lavoro si divertiranno con tanti originali laboratori

MAL ALL’AUDITORIUM PER SPRITZ!
Domenica 2 giugno, dalle 12:00 alle 18:00
Auditorium Parco della Musica
INGRESSO AL FESTIVAL: 10€

Dite la verità: quante di voi in gravidanza e allattamento hanno sognato uno spritz? Bene: per quelle di voi che ora se lo possono permettere non potranno trovare occasione migliore di questa domenica! (e per chi sta ancora allattando, ci sarà comunque da divertirsi!)

Domenica 2 giugno tutti all’Auditorium Parco della Musica per l’Aperol Spritz Festival, per festeggiare i 100 dello strafamoso Aperol! Ci sarà davvero da divertirsi per noi genitori: concerti, dj set, gadget, Hippie Market e Japan Food!

E per i bambini? L’Associazione Culturale Il Cerchio di Mamme al Lavoro si occuperà dei fantastici “Laboratori creativi by M. A. L.”

Per i piccoli ospiti dell’Auditorium questa domenica ci sarà davvero l’imbarazzo della scelta. Ecco i laboratori che troverete:

“Facciamo finta facciamo davvero ” ore 12.00

Sicuramente anche voi da bambini avrete giocato a fare finta di… L’associazione Culturale Mab ha pensato per i vostri bambini un percorso di scoperta relativo agli strumenti comunicativi, facendo leva sulla fantasia e sulla creatività dei partecipanti.

I piccoli partecipanti saranno stimolati e guidati con il gioco del far finta, inventando storie, canzoni, suoni, imparando ad usare il corpo e la propria voce. Così facendo, il bambino sviluppa capacità di osservazione e curiosità e sarà avvicinato al teatro in modo divertente e naturale.

L’attività è strutturata con una breve e giocosa accoglienza, giochi di psicomotricità e improvvisazione, drammatizzazione di storie d’invenzione.

“Il primo tuffo dell’estate” ore 14.00

Evita Zappadu curerà un Laboratorio Scrap e Coloreper i bimbi un poco più grandi. Un workshop creativo a tutto tondo, con materiali plastico pittorici.

Preparatevi a divertirvi con mille materiali diversi perché ogni partecipante realizzerà una tela in perfetto stile “mixed media” attraverso l’utilizzo di timbri, colori, fustelle, abbellimenti e materiali quali gessi, paste modellabili, pigmenti, in un’onda creativa guidata ma libera, in un gioco di spessori diversi e proporzioni che rendono il progetto una piccola, unica opera d’arte.

” Brrrrr… Arrivano i fantasmi” ore 15.00

Altra proposta originale è il laboratorio di Arteterapia e creatività dell’Associazione culturale LACERVA con l’arteterapeuta Scilla Esposito e la pittrice Francesca Ferraresi.

Volete che i vostri bimbi imparino a gestire le loro piccole paure e a vincerle attraverso il gioco? Non perdete allora questo appuntamento. Attraverso il linguaggio dei colori e della fantasia creativa, i piccoli dipingeranno dei lenzuoli bianchi con colori a sorpresa, ridefinendo le loro paure in divertimento.

Arrivano i gelati! ore 16.10

È un gelato o è… un biscotto? Sì! La fantasia di La Sodi Cake Design e Rosa’s Bakehousesbarca all’Auditorium per proporre ai vostri piccoli, anche dai 2 anni anni in su, un laboratorio dolcissimo di cake design.

I bimbi dai 2 ai 12 anni (quelli fino ai 4, accompagnati da un genitore) potranno cimentarsi nella decorazione con pasta di zucchero di dolcissimi biscotti estivi, dalla simpatica forma di gelati tutti i gusti, che ogni bambino riporterà a casa in una simpatica scatolina porta-biscotti a forma di carretto dei gelati!

Ogni laboratorio durerà un’ora, il materiale è a carico del professionista.

Il costo per ogni partecipante è di 10 euro.

Articolo precedenteOfficine Farneto: il brunch perfetto per tutta la famiglia!
Articolo successivoCosa fare a Roma con bambini da 3 a 6 anni nel weekend dal 31 maggio al 2 giugno 2019
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…