…E continua il nostro viaggio alla ricerca di quegli stabilimenti balneari che ci permetteranno di trascorrere agevolmente una giornata in spiaggia, in riva al mare, anche con bambini piccolissimi, chi grazie al parcheggio vicino, chi aò menù bimbi e seggiolone, chi con una piscina per i piccolissimi e chi con l’area giochi.

Qui la prima parte della guida

MARE VILLAGE (Torvaianica)
Lungomare delle Meduse, 58
tel 3388687195 – [email protected]
http://www.marevillage.it/

Al Mare Village, ex Corsetti mare dal 1960, non è un semplice stabilimento baneare ma un ristorante con 3 sale, stabilimento balneare, bar interno e sulla spiaggia, piscina, sala da ballo, edicola, tabacchi, discoteca.

Qui troverete una baby area con giochi all’aperto con divertimenti adatti anche ai nostri piccoli. Oltre a ombrelloni e lettini, troverete docce calde e fredde, addetti al salvataggio e attrezzature di primo soccorso.

E se volete prendervela comoda e passare qui l’intero weekend (magari facendo anche una capatina a Zoomarine) la struttura ha a disposizione degli ospiti 13 piccoli e graziosi monolocali a pochi passi dalla spiaggia.

LE PALME FAMILY BEACH VILLAGE (Terracina)
via Appia km104,200
tel 0773702637
http://www.lepalmevillage.it/

Lo stabilimento balneare, in realtà, è solo l’ultima delle meraviglie de Le Palme, un piccolo villaggio di casette deliziosamente arredate che vi permetterà di soggiornare in un mare cristallino premiato con la bandiera blu. Praticamente si dorme con i piedi dentro l’acqua, che qui si trova a “zero metri” dai primi bungalow e case mobili.

Lo stabilimento è aperto a tutti e non solo agli ospiti dei bungalow e si caratterizza per i bassi fondali, ideali per piedini che esplorano il mare per la prima volta. Sempre aperti a tutti, Le Palme mette a disposizione degli ospiti un ristorante e il beach bar.

Il Family Pack de Le Palme Village comprende una culla, la lucina per la notte per tutti i bimbi che hanno paura del buio, un fasciatoio, una vaschetta per il bagnetto, uno scalda biberon, uno sterilizzatore, un contenitore per pannolini usati, una spondina anticaduta, un’alzatina e un riduttore WC. Inoltre è a disposizione un parco giochi con altalene, castelli, bilici, scivoli e palestrine.

STABILIMENTO BALNEARE ROMA (Tor San Lorenzo)
Via Litoranera km 23,700
tel. 0691011120
http://stabilimentobalneareroma.it/

Stabilimento balneare di lunga tradizione – aperto dal 1963 – particolarmente attrezzato per i bambini e con alcune attrazioni adatte anche ai piccolissimi: l’ampio parco giochi sulla spiaggia è recintato e la sera è in funzione un baby club che rimane aperto anche dopo cena, utilissimo con i fratellini maggiori.

La struttura è dotata anche di bar, tavola calda, pizzeria, palestra esterna, animazione, campo di Beach Volley e minicalcetto interamente recintati.

SKY GARDEN BEACH (Torvaianica)
tel. 069158333
https://www.facebook.com/Sky-Garden-435751276584825/
http://www.skygardenbeach.com

Questa volta vi proproniamo uno stabilimeno non propriamente family friendly ma che meritava di essere citato nonostante l’assenza di un’area giochi… perché? Perché lo Sky Garden Beach è uno stabilimento unico nel suo genere: la struttura è sulla spiaggia, ma sotto i vostri piedi troverete l’erba! Lo stabilimento è infatti immerso nel verde e ombrelloni e lettini fanno da cornice alla bellissima piscina nella quale l’area dei bambini sotto i dieci anni è delimitata da una staccionata in legno a fondo piatto e con una profondità massima dell’acqua inferiore a 50 cm.

Altri servizi disponibili sono il ristobar, il parcheggio dello stabilimento, wifi, docce, accesso disabili e possibilità di prenotare il proprio posto online.

EZIO ALLA TORRETTA (Marina di Cerveteri)
Lungomare dei Navigatori Etruschi
http://www.ezioallatorretta.it/
https://www.facebook.com/ezioallatorretta/

E Ezio è proprio il nome della persona che aprì questo stabilimento 30 anni fa per poi tramandarlo ai suoi figli. E già dalle foto della pagina Fb dello stabilimento vi accorgerete di quanto impegno ci mettono nel far divertire i clienti.

Lo stabilimento ha un bar, un ristorante e uno spazio relax che spesso vengono messi anche a disposizione di feste private (fra le foto c’è un numero infinito di buffet e allestimenti).

Per i piccoli c’è un parco giochi, adatto sia a loro che ai fratellini più grandi, e grazie agli eventi e all’animazione dello stabilimento potreste trovarvi a prendere il sole vicino a Spider Man o a Masha e Orso!

TORRE MARINA (Tor San Lorenzo)
Lungomare delle Regioni, (Lungomare delle Dune, 62)
tel. 069141687
https://www.facebook.com/torremarinaArdea/
http://torremarina.eu/

A Torre Marina troverete un’area baby dedicata – accesso ovviamente accompagnati da un adulto – con altalene, scivoli e giostrine per il divertimento dei più piccoli. Ogni anno inoltre Torre Marina ospita per i bambini divertenti spettacoli di marionette che vedono protagonisti i personaggi più amati del momento.

Il ristorante Torre Marina Restart, storico ristorante del litorale, ha un’ampia terrazza sul mare e una cucina tipica marinara. Sono a disposizione degli ospiti un parcheggio bici, docce, campo da beach volley, ping pong, tornei di Burraco, eventi serali e una ludoteca per i più grandi con i grandi classici dei giochi da tavola.

 

Articolo precedenteMare bebè friendly: stabilimenti balneari per bambini e neonati a Roma e dintorni – PRIMA PARTE
Articolo successivoVivi Bistrot ristorante, bar e pic nic con giochi per bambini a Villa Pamphili
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…