Aspetto un fratellino, non sono pronto!

La famiglia si allarga, arriverà un fratellino o una sorellina? Che sia sano e libero, questo è importante no? Certo è importantissimo, ma non meno fondamentale è che sia accettato dal fratello o sorella maggiore. 

I miei genitori aspettano un nuovo bambino ma non sanno come affrontare il discorso con me. Io che fino ad oggi ero il padrone assoluto della casa: il primogenito. Tutte le attenzioni, tutto il tempo a disposizione erano solo per me; ora dovrò dividere tutto questo con qualcun’altro. Ma quando pensate di dirmelo? Come volete dirmelo? Se proprio non avete idea, fatelo con libro, apprezzerò sicuramente. 

Esistono modi corretti per comunicare l’arrivo di un fratellino?

Non è semplice preannunciare al primogenito che non sarà più solo, anche se lo avesse chiesto lui il fratellino e lo desiderasse tantissimo sarà comunque un trauma scoprire che alcune attenzioni verranno meno nei suoi riguardi e che da adesso in poi sarà sempre il più grande e quindi quello che deve capire, aspettare, abbozzare.

Abbiamo pensato a qualche consiglio di lettura per rendere più soft l’argomento e raccontarlo attraverso un’illustrazione, una storia d’amore infinito, un libro.

Aspetto un fratellino

aspetto un fratellino

Ed. Babalibri
Di Marienne Vilcoq
Sito web

 

Camilla aspetta un fratellino e non sembra essere felicissima, è gelosa, è arrabbiata, è triste finché scopre che anche il fratellino aspetta lei, la cerca e non vede l’ora di conoscerla. 
Un libro dolce che affronta i più normali stati d’animo che vive un bambino che non sarà più il solo ed unico.

Azzeccatissima la scelta delle pagine apribili che ogni volta mostrano una pancia più grande e un bebè che cresce.

Un fratellino? Oh no!

un fratellino? oh no!

Ed. Gallucci
Di Lorna Scobie
Sito web

Coniglio adora essere solo, avere tutto a disposizione, non dover condividere nulla, poi però arriva un fratello coniglio, una sorella coniglio, e ancora fratelli e altre sorelle, finché la vicina volpe che adora i conigli gli insegna il valore della famiglia, dello stare insieme e la ricchezza di essere in compagnia e non più soli. 

Uno in più

uno in più

Ed. Kalandraka Italia
Di Olalla Gonzalez
Sito web

Un tempo di attesa che è difficile da spiegare a parole e l’impazienza di un fratello maggiore che immagina e aspetta questa nuova relazione che lo coinvolgerà e conquisterà. Tante le domande che si pone fino a capire che nascerà solo quando la mamma non vedrà più la punta dei suoi stessi piedi.

…Fratellino in arrivo!

fratellino in arrivo

Ed. Emme
Di Nicoletta Costa
Sito web

E se invece di un fratellino arrivasse una sorellina? Non sempre le aspettative rappresentano la realtà. Una sorellina è piccola, non parla, urla, non gioca come vorrebbe lui, non legge libri, sporca dappertutto, ha bisogno di attenzioni specifiche e il fratello maggiore non ha tutta la pazienza necessaria.

Nel pancione della mamma

nel pancione della mamma

Ed. Lapis
Di Emanuela Nava
Sito web

Nel pancione della mamma c’è una sorellina che nuota come un pesciolino, intanto fuori c’è un fratellone che l’aspetta per camminare insieme verso nuove avventure.

Sono un fratello maggiore

Ed. Giunti
Di Amanda Li
Sito web 

sono un fratello maggiore

Sono una sorella Maggiore 

Ed. Giunti
Di Amanda Li
Sito web

sono una sorella maggiore

Due versioni dello stesso libro che nel gioco interattivo e sonoro aiuta il maggiore ad immedesimarsi nel ruolo che presto ricoprirà e a scoprire che nonostante il cambiamento sarà una super avventura.

I genitori sono pronti all’arrivo di un secondo figlio?

Spesso abbiamo la presunzione di credere che se già abbiamo avuto un figlio sappiamo esattamente cosa fare, altre volte viviamo l’illusione che sia bravo come il primo o la speranza che il secondo sia migliore visto che la prima esperienza è stata tanto difficile.

La verità è che ogni figlio è diverso e che anche noi -nonostante ci resti difficile crederlo- siamo diversi, perché (sarò banale) ma un nuovo figlio arriva in un periodo storico differente rispetto al primo, abbiamo un’ altra età , magari un nuovo lavoro, probabilmente una stanchezza più evidente.

Non saranno mai due realtà identiche, mai.

Facciamo l’errore di voler preparare il nostro figlio maggiore ma se non siamo preparati noi e non trasmettiamo serenità, difficilmente sarà tranquillo lui.

Assodato che non ci sono regole e verità, c’è solo la nostra personale esperienza ed è sana e giusta se ci fa stare bene.

A noi di Roma 03 piace comunque pensare che un modo per rendere tale esperienza il più possibile di facile accettazione è quello di parlare, di raccontarsi e condividere con il primo figlio questo nuovo arrivo senza mai escluderlo.

Benvenuti a tutti i fratellini e le sorelline che stanno per far crescere la famiglia.