BONUS BABY SITTER cpvid 19

Come chiedere il Bonus Baby sitter per l’emergenza Covid19? A chi spetta? Di che cifra si tratta? Per bambini di che età? A queste e ad altre domande sul Bonus Baby Sitter previsto per l’emergenza Covid19 risponde lo Studio Legale FDG

Studio Legale FDG
Largo Nino Franchellucci, 65
00155 Roma
Website
Pagina Facebook
Mail: [email protected]

La fase 2 è appena iniziata e lentamente molti genitori che non possono continuare a lavorare in smart working saranno costretti a tornare sul luogo di lavoro. E i bambini? Fra le varie misure che il Governo sta cercando di mettere a punto è previsto un bonus baby sitter per l’emergenza Covid 19. Ma di cosa si tratta? A chi spetta? Come si richiede?

Abbiamo chiesto agli Avv. Mascia Di Gaspare e Avv. Francesca Ferrarese Della Rovere dello Studio Legale di FDG di spiegarci in modo schematico e semplice tutto quello che ci serve per richiedere il Bonus Baby Sitter

Bonus Baby Sitting emergenza Covid19: in cosa consiste

Di cosa si tratta? → È un bonus previsto in conseguenza della sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole a causa dell’emergenza COVID-19;

  Si tratta di una misura che può essere richiesta in alternativa al congedo parentale e che riguarda le famiglie con figli di età non superiore ai 12 anni.

Bonus Baby Sitting emergenza Covid19: chi può richiederlo?

Chi sono i beneficiari?

Genitori dipendenti settore privato (alternativamente fra loro);

Iscritti alla gestione separata INPS;

Lavoratori autonomi iscritti alle Casse professionali per un importo fino ad €. 600,00:

Lavoratori dipendenti del settore sanitario pubblico e privato accreditato: appartenenti alla categoria dei medici, infermieri, dei tecnici di laboratorio biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori sociosanitari, nonché al personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegato per le esigenze connesse all’emergenza COVID-19, per un importo fino ad € 1.000,00.

Bonus Baby Sitter emergenza Covid19: come si richiede?

Come si presenta la domanda?

→   La domanda si presenta accedendo con le proprie credenziali (codice fiscale e PIN INPS o SPID) al portale dell’INPS: www.inps.it;

In alternativa, è possibile richiedere il bonus tramite i patronati o il Contact center dell’Istituto, telefonando al numero 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai gestori).

I beneficiari del bonus devono registrarsi sul sito INPS, nell’apposita sezione dedicata alle Prestazioni Occasionali > Libretto Famiglia, rispettivamente:

    1) come utilizzatori di Libretto Famiglia;

    2) come prestatori di servizi di baby-sitting.

Bonus Baby Sitter emergenza Covid19: come viene erogato

Il bonus viene erogato dall’INPS mediante il Libretto Famiglia, che serve per chi effettua o offre una prestazione di lavoro occasionale.

Il libretto famiglia è un libretto nominativo prefinanziato, composto da titoli di pagamento, il cui valore nominale è fissato in 10 euro;

Può essere acquistato mediante versamenti tramite F24 modello Elide, con causale LIFA, oppure tramite il “Portale dei pagamenti”.

  Per usufruire del libretto famiglia sia l’utilizzatore che il prestatore devono accedere e registrarsi alla piattaforma tramite il servizio online dedicato;

  L’utilizzatore è tenuto a comunicare, al termine della prestazione lavorativa e non oltre il terzo giorno del mese successivo allo svolgimento della prestazione stessa: i dati identificativi del prestatore; il compenso pattuito; il luogo di svolgimento della prestazione; la durata; l’ambito di svolgimento; altre informazioni per la gestione del rapporto.

  Contestualmente alla trasmissione della comunicazione da parte dell’utilizzatore, il prestatore riceve notifica della stessa tramite mail o SMS;

Bonus Baby Sitter emergenza Covid19: quando viene erogato

   L’INPS, entro il 15 del mese successivo a quello in cui la prestazione si è svolta, eroga direttamente i compensi pattuiti a seconda della modalità prescelta dal prestatore all’atto della registrazione.