Riprendiamo il nostro viaggio verso i viaggi che, spero, quest’anno noi tutti faremo. E cominciamo da un’altra regione che io amo molto…

Qui la prima parte della guida

ABRUZZO

L’Abruzzo è, secondo me, una regione ancora troppo poco conosciuta rispetto a tutto ciò che offre. Ci sono stata spesso, sia d’inverno che d’estate, e ho adorato distendermi dopo pranzo – e quando sono in Abruzzo io meno di tre portate me rifiuto! – nella pineta bordo mare. L’Abruzzo era anche meta delle nostre giornate sulla neve, in un albergo delizioso a conduzione familiare con gli skilift a 500 metri dalla porta d’entrata (comodità insuperabile con i bambini!). Tra l’altro Giulianova è a un 30-40 minuti da Atri, delizioso paesino che ho avuto modo di frequentare e dove la sera a ogni angolo spuntava un concerto: nel chiostro di una chiesa, per caso, una sera mi sono imbattuta in una giovane direttrice d’orchestra che dirigeva il terzo concerto per pianoforte e orchestra di Rachmaninov, ‘na cosetta così. Che stava benissimo con gli arrosticini che stavo sgranocchiando. Street food ignorante, musica celestiale e un chiostro del 1200: viviamo in un paese meraviglioso! Penso che questo Hotel debba essere di quelli dove si sta come a casa di amici perché su FB gli è stato dedicato un gruppo chiuso frequentato dai clienti che conta più di 2000 iscritti... mi pare buon segno. Pur non avendo un vero e proprio baby club, l’Hotel a 3 stelle ha oltre alla comodità di essere vicino Roma alcuni vantaggi per famiglie con piccolissimi:

  • Spiaggia riservata di fronte all’Hotel
  • Biciclette con seggiolini di sicurezza
  • Cabine in spiaggia con fasciatoio
  • Baby sitter su richiesta
  • Farmacia pediatrica per le emergenze
  • Baby Menù realizzati assieme a una dietologa esperta in alimentazione infantile, anche per i piccolissimi in fase di svezzamento
  • a richiesta avrete a disposizione culle baby, spondine  anticaduta, vaschette per il bagno, fasciatoiscalda-biberon
  • aree con giochi adatti ai bambini della fascia di età che ci interessa, sia nell’hotel che in spiaggia

2HOTEL PARADISO (Roccaraso)

Loc. Aremogna 67037 Roccaraso (AQ)
39 0864 602379/90
[email protected]
www.hotelparadisoaremogna.it

L’Hotel Paradiso, tre stelle, è situato al centro del comprensorio sciistico dell’Alto Sangro, punto di partenza della maggior parte degli impianti. La struttura racchiude tutto ciò che la famiglia ed i gruppi chiedono da una vacanza in montagna: si fregia di essere un centro turistico invernale ed estivo. Offre piscina, cinema, biliardi, garage. Dispone, inoltre, di un grande Mini Club ideale per il divertimento dei bambini: giochi, balli, musiche e intrattenimenti. Baby dance tutte e le sere!

3HOTEL COMO (Rivisondoli)

Via Dante Alighieri, 45, Rivisondoli (AQ)
Tel. 0864 641941 – 334 3184643
E-mail [email protected]
www.gmhotels.it/hotel-como-rivisondoli

Il Family Hotel Como è situato nel paese di Rivisondoli in posizione tranquilla e panoramica. Accogliente e ospitale albergo di montagna è situato tra il Parco Nazionale d’Abruzzo e il Parco Nazionale della Maiella. A soli cinque minuti dalle piste da sci è un ideale punto di partenza per gli impianti di Monte Pratello, Aremogna e Pizzalto. La strutture offre un servizio di mini club e di animazione per i più piccoli, oltre naturalmente ai menù creati per i nostri bimbi!

4SPORT VILLAGE HOTEL & SPA (Castel di Sangro)

Loc.Piana S.Liberata, Castel di Sangro (AQ)
+39 0864 84.72.80
[email protected]
www.sportvillagehotel.it

Immerso nel verde della natura, a due passi dal Parco Nazionale d´Abruzzo è la soluzione perfetta per una vacanza in montagna tra sole e relax. E’ in grado di soddisfare le esigenze di ogni tipologia di clientela, anche quella baby! La struttura ospita, infatti, un baby e un mini club per i fratellini e le sorelline più grandi e un’animazione che coinvolge tutti. Tutte le sere si prevede la baby dance, dove naturalmente i bambini sono protagonisti. La struttura offre un servizio di baby sitting, anche serale, su prenotazione.

5HOTEL RESIDENCE CLUB PRIMULA (Pescasseroli)

Via delle Pinete, 67032 Pescasseroli (AQ)
Tel. 0863 9141
E-mail [email protected]

Situato appena fuori dal centro storico di Pescasseroli, il Club Primula ha una incredibile offerta di sport e attività sportive: campi da tennis, da basket, da calcio e da golf, nonché biciclette, tiro con l’arco e piscina all’aperto, con una piscina dedicata ai bimbi. A disposizione una palestra e il centro termale dell´hotel, dotato di sauna e di Jacuzzi.
E’ possibile prenotare la formula camera oppure appartamento. I bambini potranno partecipare alle attività organizzate dal miniclub (dai 3 anni) o giocare nel parco giochi esterno dotato di scivolo, altalene, palline e gonfiabili. Si organizzano, inoltre, spettacoli per bimbi e baby dance.

Articolo precedenteBabù a Furio Camillo: il family bar con grandi spazi per il confort di tutta la famiglia
Articolo successivoBoutique so chic (Portuense): abbigliamento coordinato mamma, figlia, figlio… e non solo!
Silvia Lombardo è nata nel 1978 a Roma da madre trasteverina e padre siracusano. Dopo una breve pausa in una città mostruosamente più a misura d’uomo come Torino, vive tuttoggi nella Capitale dove si aggira, minacciosa, con carrozzina e passeggino dall’agosto 2016. Diplomata alla Scuola Holden di Torino, si è occupata di cultura e spettacolo per alcune agenzie giornalistiche, ha scritto e realizzato un film a costo zero sul precariato dal titolo “La ballata dei precari” e pubblicato “La ballata dei precari – Guida di sopravvivenza per trentenni” (Miraggi Edizioni, 2011). Fra le altre cose ha fatto la giornalista, l’addetta stampa e l’insegnante di multimedialità per le scuole elementari e i licei. Ha collaborato con la Bel-Ami Edizioni, il Circolo Letterario Bel-Ami, Millionaire, Donne Sul Web, Rai e è stata una blogger de L’Unità. Ha insegnato sceneggiatura e da 12 anni studia il fenomeno della musica scritta nei campi di concentramento, sul quale ha scritto un documentario, uno spettacolo realizzato all’Auditorium Parco della Musica nel gennaio 2015 (con, tra gli altri, Ute Lemper e Marco Baliani) e, la cosa più bella, una lezione concerto per portare questa musica fra i ragazzi delle scuole medie e superiori. Nonostante nessuno avrebbe scommesso una lira sulla suddetta come mamma, il soggetto si dimostra pieno di buona volontà. E menomale perché Diana non dorme, non vuole parlare, non vuole camminare e non rinuncia al latte materno neanche con le cannonate. Quando il gioco si fa duro, non resta che inforcare fascia e passeggino e andare in giro per la città. Prima o poi una delle due dovrà pur dormire…